La cucina energetica

2 Settembre 2021 // by Giorgia Olivieri // Lascia un commento // Ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2021

Come ritrovare equilibrio e benessere

L’Alimentazione Energetica fonda le sue origini nell’antica Medicina Tradizionale Cinese (MTC), nota anche come Medicina Energetica dove gli alimenti sono i veri protagonisti, utili per mantenere il corpo in salute.

Energia e nutrimento

La cucina energetica sposa perfettamente la dieta mediterranea mostrandocela però da un altro punto di vista. Come insegnano gli orientali, attorno a noi tutto è energia e tutto la trasmette.
Quando si parla di nutrizione, noi occidentali siamo abituati a parlare di micro e macro-nutrienti, ma come insegnano gli orientali, attorno a noi tutto è energia e tutto la trasmette, perciò alla fine quello che assorbiamo e utilizziamo dagli alimenti è la loro energia. L’energia la assorbiamo tutti i giorni pensando, muovendoci e mangiando: in questo modo nutriamo il sangue, i tessuti e i nostri organi, nonché il nostro essere. Perché non dimentichiamoci che per la MTC non esiste il dualismo mente corpo, ma siamo un tutt’uno e senza energia non c’è vita.
L’energia che entra nel nostro corpo sotto forma di cibo non è altro che il mondo esterno che penetra dentro di noi e ci trasforma

Pricipi di alimentazione energetica

Questo tipo di alimentazione consiste nel prendere gli alimenti naturali e intervenire sulla loro energia manipolandoli in modo da ricavare ciò di cui abbiamo bisogno attraverso il calore, nel modo in cui li combiniamo tra loro e come li condiamo. 

In inverno dobbiamo portare all’interno del nostro corpo calore, mentre in estate dobbiamo rinfrescarci e disperdere calore. Intuitivamente nessuno sente il bisogno di mangiare una zuppa calda e fumante in estate, esattamente come nessuno avrebbe voglia di rinfrescarsi con una granita in inverno. Se il buonsenso ci aiuta e ci guida, come possiamo invece gestirci al meglio se non sappiamo/possiamo leggere dentro alle sfumature? 

Costruire una ricetta significa creare una combinazione perfetta da cui trarre energia, quindi gli alimenti che la compongono devono essere studiati così come anche il metodo di cottura utilizzato per realizzarla.

Quali alimenti scegliere

I cibi più vitali sono quelli che si consumano freschi e integri: frutta e verdura fresche di stagione, i cereali, le erbe aromatiche, i semi oleosi, i germogli (germoglio=vita) e le radici.

Quelli meno vitali sono i cibi manipolati perché perdono la loro forza. Più tempo passa dalla raccolta e più cala la loro essenza di vita. Perciò è fondamentale capire come conservarli al meglio e per quanto tempo possiamo farlo correttamente.

Consumare prodotti di stagione inoltre significa sostenere la digestione e coltivare e nutrire al meglio il microbiota intestinale. Seguire i precetti della Medicina Energetica significa quindi, utilizzare gli alimenti come veri e propri “farmaci” in grado di prevenire e curare squilibri energetici che sono all’origine delle patologie.

Imparare a cucinare e ad abbinare gli alimenti nel modo più opportuno per la gestione dei pasti durante la giornata fuori e dentro casa è essenziale per diventare autonomi e seguire così uno stile di vita alimentare sano.